Muslim Superheroes

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A. David Lewis and Martin Lund. 2017. Eds. Muslim Superheroes. Comics, Islam, and Representation. Boston, Massachusetts: Ilex Foundation.

Negli ultimi tempi anche in italiano sono state pubblicate diverse graphic novel di autori e autrici arabe e si parla molto di fumetti, graphic novel, letteratura underground, graffiti e così via. Un recente corso sul fumetto arabo è stata per me l’occasione per approfondire l’argomento, in maniera un po’ maniacale come mio solito. Tra le varie cose che ho letto – come per esempio un articolo di Francesca Bellino sulle origini arabo-islamiche di uno dei nemici di Batman (2017. Ra’s Al-Ghùl. The Enemy of Ali and BAtman. Upturned Narratives form Arabic literature to American Comics. In Esterino Adami, Francesca Bellinoo and Alessandro Mengozzi. Eds. Other Worlds and the Narrative Construction of Otherness. Milano. Mimesis 183-207) – c’è questo libro, consigliatomi proprio da Francesca.

Estremamente interessante, analizza alcuni personaggi e alcune serie e, in particolare, le motivazioni che hanno spinto case editrici come Marvel a proporre alle lettrici e ai lettori supereroi musulmane/i. Il percorso è interessante perché permette di seguire il cambiamento del ruolo del personaggio “musulmano” all’interno del fumetto americano da Dust a Ms. Marvel, a esempio, che passa dall’essere un personaggio totalmente negativo e essere ella stessa una supereroe che nella vita di tutti i giorni è una ragazza americana come tante.

Non sempre questi tentativi sono riusciti pienamente, perché a volte, anziché avvicinare si rinforza lo stereotipo, resta comunque il fatto che ormai le e i supereoi musulmane/i sono entrati nel mercato americano e che risulta interessante analizzare le tensioni presenti nella società anche attraverso i comics.

L’unica pecca, se così possiamo chiamarla, del volume è che avrebbe dovuto essere molto più illustrato. Alcuni articoli, che pur si dilungano in descrizioni di immagini specifiche o dell’abbigliamo del tal personaggio, ne sono totalmente privi.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.