“Resistenza” tra lingua, cultura e ineluttabilità

Beh, l’avevo detto che Estella è una da tenere d’occhio.

Proprio ieri sera rileggevo un passo di Duranti sull’agentività della parola e oggi ricevo questo.

Da leggere e far circolare.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.