Megaupload, gigapedia, libreremo et cetera

Ale, ricercatrice presso un’Università del nord, mi scrive:

“ciao
sono disperata
hanno chiuso library.nu e non posso più accedere ai libri costosissimi che nessuna biblioteca italiana possiede: come farò adesso?
Tu hai qualche sostituto?
merda, altro che pirateria, sono pirati quelli che pensano che si possa fare ricerca in questo paese comprandosi libri che costano 200 euro l’uno
ciao ale”

Perfettamente d’accordo. Non solo in questo paese.

Penso che chi gestisce questi siti sia altamente meritorio. E non venitemi a parlare del diritto d’autore, perché vorrei vedere le royalty di un autore di saggi Oxford o Rutledge a quanto ammontano l’anno, o anche case editrici italiane ‘accademiche’, che la prima cosa che fanno è chiederti se puoi usare i tuoi fondi di ricerca per la pubblicazione. O quella casa editrice, di cui mi sfugge il nome, che ha strombazzato a destra e a manca che era nata per pubblicare i giovani ricercatori e poi, sul suo sito, ti chiede due lettere di  presentazione di professori.

Queste leggi sono fatte solo per tutelare questi editori e i loro interessi pecuniari e non il diritto d’autore. E quale diritto d’autore poi, quando non si fa altro che copiarsi e citarsi l’un l’altro e di lavori originali ce ne sono veramente veramente pochi?

E del fatto che tutto quanto caricato su Megaupload sia sparito nel nulla? Come minimo da denuncia alla Corte per i diritti Umani, perché il sapere è un diritto umano.

Per il progetto di ricerca in cui sono io e le mie collaboratrici avevamo caricato dei file su Megaupload, perché la piattaforma dell’Università ha un limite – piuttosto basso – e hop, sono spariti. Ho letto che negli Stati Uniti alcuni utenti faranno una denuncia. Spero vincano la causa.

Mi torna in mente una canzone di tanti anni fa: Fuori dai musei….

 

Questa voce è stata pubblicata in Epistemologia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Megaupload, gigapedia, libreremo et cetera

  1. Fabio scrive:

    Ciao, se non sbaglio Gigapedia e Library.nu rimandavano il download dei libri a siti esterni come Rapidshare ecc. Prova a usare http://www.filestube.com e scrivere direttamente nella ricerca il titolo del libro (o l’autore o l’editore), a me molti li trova ancora. E fallo sapere ad Ale. 😉 Ciao!

  2. blub scrive:

    La risposta è una sola: library genesis http://libgen.org/