Brie e tabbulé

Sessione di laurea specialistica. I laurendi sono tutti appartenenti al progetto di ricerca di dipartimento VocA, un progetto di terminologia.

Durante una discussione relativa alla lingua inglese la presidente – di lingua francese –  commenta l’affermazione di una candidata che sta spiegando come molti termini in gastronomia provengano dal francese, commentando il fatto che in Italia brie si dice brie leggendo la e e dice: Fa male.

La candidata di arabo spiega alcune schede terminologiche che ha realizzato. Le chiedo di descriverne una con un termine non presente nella gastronomia italiana. Sceglie tabbula. Inizia a spiegare e una commissaria, di francese, interviene dicendo: Ma tabbulé in francese è lessicalizzato non è vero che non è presente nella gastronomia.

Lettura consigliata: Jean.Louis Calvet, Petit traité de glottophagie, del 1974. Ma ancora molto attuale.

Questa voce è stata pubblicata in Epistemologia. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.